showcase
STUDI DENTISTICI A GIOIA DEL COLLE

L'Endodonzia

endodonzia gioia del colle

L’endodonto è lo spazio all’interno del dente che racchiude la polpa dentaria, costituita da vasi sanguigni nervi, odontoblasti e cellule stellate.

La branca dell’odontoiatria che si occupa della fisiologia e della patologia dell’endodonto è l’endodonzia.

Una carie trascurata o un trauma possono provocare la degenerazione della polpa dentale che può infiammarsi e arrivare fino alla necrosi; quando questo accade il sintomo più evidente è sicuramente il dolore. In questi casi si deve ricorrere alla devitalizzazione, un intervento che priva il dente del tessuto vitale; si può quindi descrivere un dente devitalizzato come un dente morto.

La terapia endodontica può essere divisa in tre fasi: diagnostica, preparatoria e di otturazione. Nella fase diagnostica si valuta l’effettiva presenza di necrosi della polpa, si cercano le cause che l’hanno determinata e si decide come proseguire la terapia. In questa fase il dentista si avvale di alcuni test per la valutazione dell’infiammazione tra cui il test termico, in cui si valuta la risposta della polpa a stimoli termici, il test della palpazione o quello elettrico.

La radiografia ortopanoramica, poi, dà informazioni importantissime al dentista permettendo la diagnosi della lesione endodontica e delle patologie correlate oltre che il controllo della terapia canalare. Una volta che la diagnosi è completa si può proseguire con la fase preparatoria nella quale, dopo aver avuto accesso alla camera pulpare, si effettua la sagomatura e la detersione del canale radicolare. Per la sagomatura si usano degli stumenti in nickel-titanio che vengono prima utilizzati manualmente e poi collegati ad un trapano elettrico.

A questo punto i canali radicolari perfettamente sagomati vengono detersi con delle soluzioni disinfettanti, soprattutto Ipoclorito di Sodio, che rimuovono la carica batterica e i residui di polpa.

Uno strumento importantissimo in endodonzia per isolare il dente da trattare così da evitare la contaminazione dei canali radicolari da parte della saliva (oltre che per evitare l’ingestione dei liquidi disinfettanti) è la diga di gomma, il cui utilizzo durante una devitalizzazione è altamente consigliato. I canali, che sono stati perfettamente sagomati e disinfettati, possono essere otturati con della guttaperca, un materiale che oltre ad essere termoplastico è anche perfettamente biocompatibile ed inerte.

Una corretta otturazione dei canali è essenziale per impedire una nuova proliferazione batterica. Il dente devitalizzato sarà poi ricostruito con le tecniche e i materiali che il dentista riterrà più idonei, molto spesso si opta per l’incapsulamento vista la maggiore fragilità dei denti trattati endodonticamente rispetto a quelli sani.

Soprattutto nei molari e nei premolari, che sono maggiormente sottoposti alle forze masticatorie, le fratture sono molto frequenti e per questo è preferibile, dopo la devitalizzazione, rivestire questi denti con delle capsule.

In alcuni casi il semplice trattamento endodontico non è sufficiente per la totale eliminazione dei batteri presenti nella polpa, quando ciò avviene si opta per l’endodonzia chirurgica che consente l’otturazione dell’apice radicolare; solo in questo modo si riesce a trattare anche quelle porzioni di canale difficilmente raggiungibili, evitando danni al periapice.

Segnaliamo di seguito una serie di studi dentistici per trattamenti di Endodonzia
dentista-lucca.it: studio dentistico di Lucca. Riabilitazione protesica e Implantologia dentale.
dentista-napoli.it: studio dentistico di Napoli. Telecamera intraorale.
dentista-varese.com: studio dentistico di Varese. Specializzati in trattamenti All on Four.

Articoli Dentisti Italia

Sei un dentista?

  • Sfrutta Internet come canale di marketing per promuovere i servizi del tuo studio

  • Pubblicizza le informazioni relative alla tua attivita'

  • Entra in contatto diretto con chi ti sta cercando

Siti partner